Alegre - il megafono delle idee

Subscribe to Alegre - il megafono delle idee feed
Updated: 1 hour 51 min ago

Mutualismo, l’alternativa è «far da sé pensando»

Thu, 13/09/2018 - 16:07
Nota quotidiana

«Se vogliamo trovare una soluzione, dobbiamo andare a ritroso, per recuperare ciò che chiamo “codice sorgente” del movimento operaio. Bisogna ritornare lì dove tutto è cominciato», spiega Cannavò a Left.

Leonardo Filippi (da Left)*

Riacquistare credibilità politica, a sinistra, rovistando nella cassetta degli attrezzi tardo ottocentesca del mutualismo. Rispolverare gli strumenti dell’autogoverno, del «fare da sé», della condivisione, con lo scopo di trasformare la società e non per rifugiarsi in «isole felici».[...]

Facebook Like

Il mutualismo tra subalternità e autonomia

Wed, 12/09/2018 - 16:50
Nota quotidiana

Pubblichiamo la recensione di Fabio Ciabatti del volume di Salvatore Cannavò, Mutualismo. Ritorno al Futuro per la Sinistra uscito ad aprile scorso.

Fabio Ciabatti (da Carmilla On Line)*

È finito un periodo storico, il movimento operaio conosciuto nel Novecento non esiste più, i suoi strumenti fondamentali, il partito, il sindacato, le cooperative ecc. si sono trasformati in qualcosa di diverso rispetto alle loro origini. Le varie figure lavorative non si rapportano più tra di loro.[...]

Facebook Like

#Siria, il momento di dirvi una cosa

Wed, 12/09/2018 - 16:39
Nota quotidiana

Riprendiamo l'accorata riflessione di Lorenzo Declich, autore di Siria la rivoluzione rimossa, sulla tragica situazione che incombe sulla provincia siriana di Idlib, prossimo obbiettivo delle forze lealiste sostenute da Russia e Iran ma teatro nei giorni scorsi di importanti manifestazioni animate dalla popolazione civile.

di Lorenzo Declich (da Tutto in 30 secondi)*

Il momento, anche se raramente il tema è stato considerato di meno in questo paese di merda, è importante e tragico.[...]

Facebook Like

Angela Davis, a viso aperto contro l’oppressione

Fri, 07/09/2018 - 16:49
Nota quotidiana

Pubblichiamo l'incipit dell'articolo di Marie Moïse dedicato a Donne, razza e classe di Angela Davis da lei tradotto. L'articolo completo è disponibile sul numero cartaceo di Left uscito venerdì 31 agosto o sul sito della rivista tramite abbonamento.

Marie Moïse (da Left)*

Non ero ancora nata quando la mia famiglia, negli anni Sessanta, lasciò Haiti per sfuggire alle persecuzioni del regime di Duvalier. Arrivati in Italia come richiedenti asilo, ottennero tutti lo status di rifugiato politico.[...]

Facebook Like

«La sposa è bella ma è sposata a un altro uomo»

Wed, 05/09/2018 - 10:06
Nota quotidiana

Settant’anni fa la fondazione dello stato di Israele. Per il popolo palestinese fu la Nakba, la catastrofe. E l’oscuramento della storia della popolazione che viveva da secoli dove i sionisti, cacciandoli, hanno fondato il loro stato. Una realtà che abbiamo rimosso, ma che è fondamentale conoscere per capire, e restituire la verità che la narrazione oggi prevalente vuole offuscare.

Francesca de Carolis (da Remo Contro)*

«La sposa è bella ma è sposata a un altro uomo»

C’é stato un tempo, un giorno,
in cui il lamento di un uomo,
in lontananza,
muoveva milioni di uomini e donne,
ricordandoci che quel lamento
altri non era che l’eco del proprio respiro.
Siamo forse fuori dal sogno?
Ricominciamo il nostro viaggio,
ricominciamo a sognare...
[...]

Facebook Like

Strumenti per raccontare l’ordinario

Tue, 04/09/2018 - 12:35
Nota quotidiana

Ci mette di fronte a una consapevolezza crudele: questa storia è narrabile perché è la storia di un operaio che subisce un’ingiustizia. Nella routine del tubista è l’eccezionalità della fibra d’amianto ad accendere il motore narrativo. E la vita operaia può diventare storia perché quella vita viene messa a rischio.

Gerardo Iandoli (da L'opinabile)*

Ci sono parti del nostro reale che hanno la necessità di trasfigurarsi per entrare negli occhi dei molti. Ci sono storie che sono il contrario di quello che vorremmo sentire, ci sono storie che anziché farci immergere nella fantasia ci riconducono tra i problemi più urgenti della nostra società. Queste storie sono importanti e allo stesso tempo fanno paura. Allontanano.[...]

Facebook Like