pratiche

Subscribe to Ri-Maflow Occupata feed
Occupy-MAFLOW!
Updated: 2 hours 39 min ago

L’ orto agroecologico di RiMaflow, dall’autoproduzione alla mensa

Sun, 31/05/2020 - 22:37

Abbiamo iniziato a lavorarci a inizio febbraio e là dove esisteva solo un prato erboso ora c’è un bellissimo orto, proprio all’interno del giardino della nostra fabbrica. Merito di un lavoro di squadra diretto dall’esperienza di Donato che con l’aiuto di Vasel, Franco, Mauro, Abdoulaye ed Ebrima, ha permesso di raggiungere l’obiettivo attraverso l’eliminazione delle erbacce, la livellatura e aratura del terreno, la concimazione organica e la piantumazione di numerosi alberi da frutta, tanti ortaggi e piante aromatiche.

Donato, esperto artigiano di pelletteria della Città dei Mestieri è un abile e appassionato coltivatore di pratiche ecosostenibili come l’autoproduzione dei semi e delle piantine da orto, la realizzazione di compostiere per la produzione di concime organico ma anche l’utilizzo dei lombrichi per la fertilizzazione del terreno, la cura delle piante e degli ortaggi senza concimi chimici o pesticidi. Tutto questo si sposa con i nostri principi ecologisti e permette alla nostra mensa di avere prodotti sani e freschi di stagione. Un’autoproduzione a km zero fatta in casa che ci permette di fruire di una grande varietà di prodotti.

PODURRE CIBO, COSTRUIRE COMUNITÀ, AUTODETERMINAZIONE ALIMENTARE E MUTUO SOCCORSO

Cassa Nazionale di Solidarietà

Sun, 31/05/2020 - 20:27
COMUNICATO STAMPA

Di Cassa Nazionale di Solidarietà

UNA RETE DI ASSOCIAZIONI E PROGETTI DI MUTUO SOCCORSO LANCIA UNA CASSA NAZIONALE DI SOLIDARIETÀ – COMUNICATO STAMPA

Arrivati alla fase due, una rete di associazioni e organizzazioni sindacali impegnate in prima linea durante la fase 1 dell’emergenza, mettono insieme le forze per dare una risposta congiunta a un problema molto diffuso: la difficoltà economica di chi non percepisce un reddito e si trova escluso da tutti gli ammortizzatori sociali predisposti, sia prima che durante l’emergenza. L’ultimo decreto sfornato dal Governo allarga le maglie di chi potrà ottenere qualche benefit, ma non c’è un passo deciso e inequivocabile verso un vero reddito universale e nemmeno una nuova idea di welfare che risponda ai bisogni sociali sul territorio.

Stagisti e interinali, lavoratori in ritenuta d’acconto spesso nel mondo dello spettacolo e della cultura, sex workers, lavoratrici domestiche, persone senza fissa dimora o senza documenti in regola, lavoratori e lavoratrici in nero, ancora una volta non sono stati considerati.

Insieme abbiamo deciso di costituire una CASSA NAZIONALE DI SOLIDARIETÀ’ basata sul principio del mutuo soccorso per iniziare a garantire un sostegno diretto a chi ne ha più bisogno.

Questa iniziativa ha anche la funzione di rivendicare di fronte alle istituzioni la necessità di un intervento pubblico, di chiedere conto a chi si sta occupando dell’emergenza del perché non ci sia preoccupazione per questi settori sociali invisibili. Un percorso che abbia dunque anche l’obiettivo di ottenere un’estensione delle tutele e degli investimenti economici per la dignità di tutte e tutti e per la salvaguardia dei beni comuni, come la sanità pubblica.

Ci rivolgiamo a tutte le lavoratrici e tutti i lavoratori che ancora percepiscono un salario, a pensionate/i, a chiunque si senta in grado di contribuire di versare a una cassa nazionale di solidarietà una quota solidale del proprio salario dei mesi di marzo e aprile (o con un contributo volontario anche nei mesi successivi). In questo modo si parteciperà al finanziamento della cassa. Le reti e le soggettività che promuovono questa iniziativa decideranno insieme le procedure tecniche di funzionamento della cassa di mutuo soccorso, seguendo un criterio di equa ridistribuzione dei fondi raccolti tra soggetti in stato di bisogno che si rivolgono alle sedi delle realtà aderenti.
Verrà costituito un comitato di garanti formato da tutte le realtà partecipanti e contribuenti che verificherà la trasparenza ed efficacia di tutte le procedure e darà conto pubblicamente del bilancio sociale ed economico della stessa.

PER DONARE: Ragione sociale: Fuorimercato
Iban: IT79D 0838633 910000000470387
Bic/Swift: ICRAITRREQ0* [*zero]
Causale: CASSA NAZIONALE DI SOLIDARIETÀ

“Stiamo freschi” la solidarietà non si ferma

Tue, 26/05/2020 - 22:04

Trezzano sul Naviglio – 26 05 2020

Da ieri  la logistica per la distribuzione di alimenti freschi alle famiglie in difficoltà del Municipio 6-Milano, si è spostata all’interno dei capannoni di RiMaflow/Fuorimercato che supporta con le proprie strutture e mezzi l’iniziativa di solidarietà ”Stiamo Freschi!”  promossa dalle Reti QUBI’ Giambellino-Lorenteggio. La distribuzione di generi alimentari freschi e prodotti per l’igiene personale e per la casa sarà destinata a oltre 800 famiglie.

Quaranta persone, tra volontari di QuBì, di Comunità Nuova, dei centri giovanili CD Giambellino e CD Creta , dell’associazione BIR-bambini in Romania e lavoratori RiMaflow  saranno impegnati per tutta la settimana a suddividere circa 24 tonnellate di prodotti e a preparare e distribuire centinaia di cassette solidali per oltre 3000 persone bisognose. Nelle foto del post la prima giornata di lavoro di ieri.

Tutta l’iniziativa è sostenuta da Fondazione Cariplo, Fondazione Vismara, Intesa San Paolo, Fondazione Invernizzi, Fondazione Fiera Milano, Fondazione Snam.Il Municipio 6 -Milano ha contribuito attraverso l’acquisto dei prodotti per l’igiene e di mascherine lavabili e riutilizzabili.

Nel quadro della crisi determinata dal Covid 19, RiMAflow-Fuorimercato ha deciso di collaborare con tutte le istanze che rendono possibile un intervento straordinario di distribuzione alimentare nei confronti di famiglie prive di reddito, per le quali non sarebbe possibile contare esclusivamente sulle realtà autogestite. Realtà, come quelle della piccola produzione contadina naturale, che sono il fulcro del progetto di Fuorimercato e con cui stiamo lavorando per costruire una rete di produzione-distribuzione-consumo alternativa alla GDO.

Il tuo 5×1000 per il mutuo soccorso e affrontare insieme la crisi

Sun, 17/05/2020 - 17:12

INDICAZIONI PER LA SCELTA DEL 5×1000

Per sostenere la cassa nazionale di ‘Fuorimercato, autogestione in movimento’ e i suoi tanti progetti mutualistici sui territori (www.fuorimercato.com), sia nelle realtà urbane che rurali, si deve  indicare nell’apposito spazio della dichiarazione dei redditi (730 o 770, o anche semplicemente sulla copia della CU-Certificazione Unica*) il codice fiscale 97761210588.     

*I titolari di un solo reddito da lavoro dipendente o di una pensione che non devono presentare la dichiarazione dei redditi possono consegnare la scheda (come si fa anche per l’8 per mille) in busta chiusa ad un ufficio postale, a uno sportello bancario o a un intermediario abilitato alla trasmissione telematica (CAF, commercialisti, ecc).

Attenzione: il maggiore sostegno all’Associazione è dato dal numero di modelli consegnati con l’indicazione di questo codice fiscale e non dall’ammontare delle tasse che si pagano! 

MASCHERINE SANIFICATE E SOLIDALI

Sat, 16/05/2020 - 19:24

Di fronte all’emergenza sanitaria coronavirus e alla necessità di costruire azioni solidali e di mutuo soccorso come pure per darci maggiori prospettive per il nostro futuro, la comunità di lavoratori /trici e artigiani/e della Città dei Mestieri di RiMaflow-Fuorimercato, ha convertito parte della produzione e allestito un laboratorio di produzione mascherine. Inoltre abbiamo stipulato una convenzione con il carcere di Bollate che ha permesso l’apertura di un laboratorio in loco e l’assunzione di quattro detenuti che attraverso il lavoro avranno un’opportunità di riscatto e di far parte di una comunità solidale. In tutta questa fase di emergenza abbiamo attuato le misure sanitarie e precauzionali del caso, come da indicazioni ministeriali: distanziamento delle postazioni di lavoro, disinfezioni delle mani e del locale adibito alla produzione, utilizzo dei dispositivi di sicurezza individuale.

LE LINEE GUIDA DEL POLITECNICO DI MILANO, LA SUPERVISIONE DI LABORATORI CERTIFICATI, L’APPROVVIGIONAMENTO DI TESSUTI NORMATI E LA SANIFICAZIONE IN AUTOCLAVE SONO LE NOSTRE GARANZIE

PER INFORMAZIONI:

Tel. 02 91637966
Cell. 373 7652107
Mail: info@rimaflowcittadeimestieri.it